"Alberto Nones affronta un'impresa quasi irrealizzabile. Le mazurke di Chopin sono il frutto più personale della sua ricerca, sono il suo diario intimo. La difficoltà sta nel rendere la libertà ritmica e armonica delle danze, senza trascurarne la costruzione formale, perfetta. Alberto Nones ci riesce a meraviglia. Il percorso è entusiasmante, entriamo nel laboratorio di Chopin". Dino Villatico ROBINSON di REPUBBLICA (26/3/2017, p. 33)

"... Era da diverso tempo che non ascoltavo un interprete capace di appassionare, emozionare e stimolare l'ascolto di queste opere come è riuscito a fare il pianista trentino. I grandi interpreti chopiniani sono in grado di far ascoltare, con le loro letture, non la musica di Chopin, ma Chopin stesso... La lettura che ne fa Nones ci fa capire che le Mazurche, in Chopin, incarnano un dolore che si rende lieve. Folgorazione." Andrea Bedetti AUDIOPHILE SOUND 153 (pagina 56, Luglio-Agosto 2016)

 

"... Con un’interpretazione che valorizza i contenuti di danza e la pure presente leggerezza, senza mai però cadere nella superficialità, con un’alta arte del tocco, perfetto bilanciamento tra melodia e accompagnamento, ornamentazione ben cesellata e un rubato sempre ben dosato, Nones rende le raffinatezze sonore, ritmiche e anche armoniche... magistrale." Prof. Dr. Monika Fink (Università di Innsbruck)

"... un viaggio dell’intelligenza verso la grazia finale in cui la mente e il cuore si congiungono, razionale e irrazionale si uniscono a definire i confini della bellezza. Provatevi a distinguere, in queste mazurke interpretate da Alberto Nones, dove finisce l’intelligenza della lettura musicale e dove comincia l’emozione della scoperta di un mondo nuovo. Sono esattamente la stessa cosa." Dino Villatico DIONYSOS41

"... Spicca all'ascolto l'eleganza del tocco e del fraseggio unita alla sicura visione d'insieme, in ogni danza come nella successione dei numeri d'opera." Giuseppe Calliari L'ADIGE

"... una nuova interpretazione che si pone sotto il segno della morbidezza di suono, dell'ampiezza di fraseggio, con un equilibrio fra sobrietà ed espressività, fra misura e languore, fra gusto e abbandono, veramente ottimo." Luca Ciammarughi RADIO CLASSICA (Top Ten del 4 maggio 2016)

"... Nones è ben attento a non abbandonarsi mai a sentimentalismi o compiacimenti virtuosistici. La sua lettura appare quindi molto moderna e si colloca nella prospettiva che da qualche decennio sta modificando il modo di comprendere il compositore polacco all’interno della storia della musica." Stefania Navacchia ORFEO NELLA RETE 

186 Cimara Art Songs_16-1.jpg

"... liriche per canto e pianoforte, edite in parte ma rassegnate alla marginalità ed all'oblio, non fosse che il pianista trentino Alberto Nones ha schiuso adesso quel cassetto, liberando rimembranze e fragranze poetiche degne di essere custodite in questo CD della Da Vinci. Un disco che non solo ha il pregio editoriale della rarità riportata in luce con nitidezza di registrazione: ha pure il merito di avervi coinvolto una voce operistica importante e generosa come quella di Nunzia Santodirocco [...] sembra essere questo un tratto delle liriche di Cimara: la finezza rigeneratrice che il pianoforte muove nel canto. Quando non esercita addirittura la funzione di una sigla stilistica, come opportunamente Nones segnala nel saggio d'accompagnamento al disco, frutto di appassionata ricerca e impaginato secondo un criterio non semplicemente suggestivo, ma estetico. Il florilegio inedito porta un titolo non soltanto occasionale - L'Infinito - dal Lied sui versi di Leopardi (idea audacissima, e si capisce perché, quella di metterli in musica) nel dugentesimo della poesia-simbolo di Leopardi: è quel tempo sospeso, immobile in un languore di dolce naufragio che la musica di Cimara sembra evocare con mano leggera nella sua piccola forma. [...] il bouquet è gradevole e le ultime pagine della raccolta sono pregevolissime: da "Le campane di Malines" al liquido fluire (ancora il pianismo di Nones in scintillante evidenza) di "Presso una fontana". Gianni Gori su MUSICA (313, febbraio 2020, pp. 81-2)

"Piccolo ma stimolante, questo libro si distingue da altre pubblicazioni sulla band californiana per la rigorosa prospettiva dell'autore: Nones non è soltanto un appassionato musicista, ma anche un docente universitario di filosofia politica. Di conseguenza, fornisce un quadro del contesto socio-culturale che ha dato vita ai Doors e affronta il tema della dimensione etica ed estetica della loro arte", Eugenio Tassitano su CLASSIC ROCK

"Dopo la titanica impresa di affrontare l’intero corpus delle mazurke di Chopin con lucida consapevolezza, Alberto Nones, insieme al violinista Franco Mezzena, si confronta qui con le non meno difficili e problematiche sonate di Brahms. La libertà del fraseggiare e la varietà del tocco si riconoscono, così come l’eleganza della cavata violinistica", Dino Villatico su ROBINSON di REPUBBLICA

"libro dal felice taglio sintetico...Alberto Nones offre un racconto di vita per passaggi essenziali, insistendo con un'acribia mai finora riscontrata altrove sul contesto storico-politico che ne costituisce lo sfondo problematico... Con acuta sensibilità Alberto Nones cattura queste varie sensazioni, questi soprassalti dello spirito", Diego Cescotti nella PREFAZIONE 

RECENSIONE DEL CONCERTO TENUTO A CASTIGLIONE DEL LAGO IL 24 AGOSTO 2021: 

"è entrato in pedana un aitante pianista trentino che, nelle sue fattezze racchiudeva l’immagine di un giovane principe Cimbro e di un aristocratico di casa Hohenstaufen. Alberto Nones, pianista laureato il filosofia a Bologna, master di economia a Londra, dottorato di ricerca all’Università di Trento è indubbiamente un personaggio di singolare caratura. Quando si è seduto al Petrov del palazzo ducale, strumento quanto mai impervio, ha dimostrato subito di saper domare la difficile tastiera. Sistemata la prospettiva timbrica, il giovane maestro trentino ha voluto renderci partecipi di una sua visione particolare del repertorio chopiniano, un gioco elegante e formalmente impeccabile di mazurke della op. 30 e dell’op. 50 e di Fantasie, in particolare della Polonaise-fantaisie, un piccolo percorso etico dell’estetica chopiniana. Con un nitore e una chiarezza trasparente Nones ha percorso i fremiti della danza nazionale polacca traendone risonanze storiche e presenze culturali di spessore. Ma soprattutto emergeva quel senso di eleganza che probabilmente il musicista ospite ha ereditato da alcuni dei suoi maestri, Ciccolini in particolare e Franco Scala, riconosciuto creatore di talenti. Chi, assecondando la dizione di Nones accettava di farsi trascinare nel vortice spesso enigmatico della musica di Chopin poteva forse rendersi ragione di una frase arcana di un celebre romanzo di Pavese: “il bosco danzava Chopin”, emblematica di una tensione drammatica che emerge sempre quando un pianista intelligente accetti di leggere la musica del grande polacco al disotto della sua patina salottiera.

Nones ha da poco completato la sua versione discografica delle mazurke di Chopin, un monumentale diario di emozioni e di ricordi con cui il maestro polacco ha saputo raccontare la sua vita. Ma l’integrale delle danze nella sua complessità è rebus borgesiano, un minuscolo aleph da cui scaturisce la complessità di un mondo. Quando ascolteremo questa impresa di Nones forse saremo arricchiti di qualcosa", Stefano Ragni (Quotidiano dell'Umbria, 26/08/2021, Castiglione del Lago: due violoncelli e un pianoforte nel festival di Marzia Zacchia (quotidianodellumbria.it) 

nones_front_hq.jpg

"Originatosi da uno stimolante convegno, questo volume fornisce ben ricercati nuovi contributi ai Performance Studies. Sarà particolarmente utile a ricercatori della storia della ricezione di J.S. Bach, e di nuove composizioni e delle loro esecuzioni. In maniera significativa, il libro colma una seria lacuna nel nostro mondo di conoscenza anglo-centrico, perché si incentra ampiamente su eventi e creatività artistica in Italia e Sud America (specialmente Colombia). Valore aggiunto, il materiale audio che illumina le analisi."
 

Professor Dorottya Fabian,The University of New South Wales, Sydney

"In questo volume, il lettore troverà una ricca varietà di erudizione, tutta in qualche misura connessa a J.S. Bach e la tradizione musicale.

Dalle affascinanti considerazioni di Michael Maul sulla maestria nell'affrescare i testi nelle Cantate di Bach, all'avvincente analisi di Alberto Nones del connubio tra armonia e testo in diverse trasposizioni musicali dell'Infinito di Leopardi, si compie il cerchio giungendo alla dimostrata influenza di Bach negli impegnativi ed entusiasmanti Piano Etudes di Marco Alunno, di recentissima composizione."
 

Dr. Ann DuHamel,
University of Minnesota, Morris

"Approvo convintamente qualsiasi libro che si occupi di musica ad ogni livello, e specialmente questo lavoro. Ho apprezzato enormemente la varietà degli articoli in esso contenuti. La nuova condizione del mondo causata dalla pandemia di coronavirus sta dimostrando di continuo che la musica ha il potere di sollevare e consolare, ma ancora di più, curare. Il CD allegato a questo volume illustra attraverso i suoni come molti generi continuino a vivere in questi tempi difficili. La musica è una parte essenziale delle nostre anime e per questo è essenziale anche al tessuto della società umana."

Hamsa Al-Wadi Juris

Sibelius Academy

The University of the Arts Helsinki

Finland

cover Kramer-Nones.jpg
copertina Bonporti.jpg

"oltre che a riportare alla luce un protagonista del barocco musicale, Francesco Antonio Bonporti, di assoluto interesse e profondità di pensiero, e a invogliare all’ascolto della sua raffinata opera, il libro di Nones, pur nella sua brevità, ha anche il pregio di stimolare  riflessioni  e  parallelismi  a  volte  sorprendenti,  resi  possibili  dalla forma del 'dialogo impossibile' e dall’acutezza del suo autore, capace di toccare con leggerezza 'bonportiana' questioni di capitale importanza e attualità, 
ad alcune delle quali non mi è possibile qui dedicare ulteriore spazio (mi riferisco ad es. al dibattito tra interpretazione filologica e moderna). Lascio al lettore il piacere di scoprirle, ed eventualmente di immaginare altre, possibili triangolazioni," Filippo Focosi su De Musica, 2020 –XXIV (2), pp.164-168

Recensione completa: Francesco Antonio Bonporti o la fede sonora (unimi.it)